Menu
EN
Chiamaci al 0421 338 411
 
Riabilitazione
L' U.O. di Riabilitazione della Casa di Cura Rizzola fa parte dell'organizzazione dei servizi per le attività di Riabilitazione in Italia, individuata con DGR n° 253 del 01.02.2000 e successive modifiche da parte della Regione Veneto, attuativa delle Linee Guida del Ministero della Sanità.

L'intervento riabilitativo viene finalizzato verso tre obiettivi:
1) Il recupero di una competenza funzionale che, per ragioni patologiche, è andata perduta;
2) La necessità di porre una barriera alla regressione funzionale cercando di modificare la storia naturale delle malattie cronico-degenerative riducendone i fattori di rischio e dominandone la progressione;
3) La possibilità di reperire formule facilitanti alternative.

L'intervento riabilitativo ha inizio al momento stesso in cui il danno si instaura. Il termine è definito da un accurato bilancio tra la stabilizzazione degli esiti e la presenza di potenzialità di recupero.

Il primo stadio della riabilitazione in senso cronologico ha luogo al momento stesso di cui si verifica la menomazione e, pertanto, o in fase acuta di malattia o all'accertamento di una patologia congenita o cronica.
Il secondo stadio della riabilitazione prende avvio in funzione delle disabilità che residuano non appena superata la fase acuta di malattia; concerne la fase post-acuta e riguarda sia le strutture ospedaliere sia quelle extraospedaliere di riabilitazione, indipendentemente dal loro stato giuridico (pubblico o privato).
Il terzo stadio richiede interventi sanitari meno sistematici (in quanto afferenti a una condizione di handicap stabilizzato) e pertanto praticabili anche in termini di trattamento ambulatoriale, finalizzati al mantenimento delle autonomie funzionali conseguite dal soggetto e alla prevenzione delle possibili ulteriori involuzioni.

Fasi dell'intervento riabilitativo
Le fasi dell'intervento riabilitativo possono essere così descritte:
- Fase della prevenzione del danno secondario e delle conseguenti menomazioni. In ogni patologia, con maggiore o minore rischio si può sviluppare una condizione di disabilità e quindi l'intervento riabilitativo deve essere inserito (con modalità e impegno diverso a seconda delle diverse situazioni ) già nella fase acuta all'interno del protocollo terapeutico;
- Fase della riabilitazione intensiva. È caratterizzata da interventi valutativi e terapeutici intensivi ed è abitualmente collocata nella cosiddetta fase dell'immediata post-acuzie della malattia, quando l'intervento riabilitativo può positivamente influenzare i processi biologici che sottendono il recupero, contenendo e riducendo l'entità della menomazione e quando la disabilità è maggiormente modificabile; tale fase può essere necessaria anche in situazioni di riacutizzazione e recidive dell'evento patologico;
- Fase di completamento del processo di recupero e del progetto di riabilitazione (riabilitazione estensiva o intermedia). Si caratterizza con modalità diverse in rapporto alla natura e tipologia della menomazione e della disabilità ed è comunque tale da non richiedere interventi intensivi;
- Fase di mantenimento e/o di prevenzione della progressione della disabilità: si caratterizza con diverse tipologie di interventi riabilitativi sanitari abitualmente integrati con l'attività di riabilitazione sociale.

Attività svolta
Le patologie che vengono trattate sono molteplici:

Patologie neurologiche
  • Esiti di ictus cerebrale ( ischemico o emorragico , con emiparesi o emiplegia , disturbi del linguaggio, dello schema corporeo, aprassie ecc.. )
  • Sclerosi multipla
  • Sclerosi laterale amiotrofica
  • Neuropatie periferiche
  • Malattia di Parkinson o parkinsonismi
  • Esiti di interventi neurochirurgici

Patologie ortopediche
  • Esiti interventi di artroprotesi
  • Esiti di fratture
  • Esiti di politraumatismi o altri interventi di tipo elettivo

Patologie reumatologiche
  • Artrite Reumatoide
  • Altre patologie autoimmunitarie e degenerative comportanti limitazione funzionale

Patologie internistiche
  • Cardiopatie
  • Pneumopatie
  • Ogni altra patologia che determini una limitazione funzionale

L'attività del Reparto ha come finalità il recupero motorio, psicologico, sociale del paziente affetto da menomazioni che determinano disabilità.
Nel processo di recupero sono coinvolte a vario titolo tutte le figure che ruotano attorno al paziente con competenze peculiari: medici, infermieri, fisioterapisti, logopedista, psicologo, operatori sanitari dell'assistenza, tecnico ortopedico ecc...
Anche i familiari hanno un ruolo importante, sia durante la degenza che dopo la dimissione. È quindi fondamentale che essi interagiscano con l'equipe riabilitativa: il loro coinvolgimento è un momento educativo che li porterà a meglio comprendere le difficoltà del loro familiare e alleggerirà il loro compito assistenziale.

Ogni paziente degente nel nostro reparto può usufruire dei seguenti interventi valutativi:
  • un bilancio clinico generale;
  • un bilancio della situazione familiare e socio-ambientale;
  • un bilancio delle menomazioni fisiche, cognitive e comportamentali con valutazioni fisiche e strumentali;
  • l'elaborazione di un progetto e di programmi riabilitativi;
  • la verifica e gli adattamenti dei programmi riabilitativi;
  • la pianificazione del reinserimento in ambiente extraospedaliero con eventuale dimissione nel setting socio-sanitario appropriato.

Ogni paziente degente nel nostro reparto può usufruire dei seguenti interventi terapeutici :
  • rieducazione motoria e funzionale con addestramento all'autonomia;
  • prescrizione e addestramento all'uso delle protesi, ortesi ed ausili;
  • rieducazione alla deglutizione;
  • rieducazione del linguaggio;
  • educazione delle funzioni cognitive;
  • trattamenti farmacologici e valutazione strumentale per problemi internistici;
  • terapie fisiche strumentali a supporto della rieducazione motoria e funzionale per il trattamento delle sindromi dolorose;
  • prescrizione di ausili e ortesi;
  • avvio delle procedure sociosanitarie (SVAMA, INVALIDITÀ INPS).

Le attività suddette vengono svolte all'interno del Reparto e del Servizio di Fisiokinesiterapia.

Ricoveri
Il ricovero è riservato a pazienti che necessitano di attività di riabilitazione: dirette al recupero di disabilità importanti, modificabili, che richiedono un elevato impegno diagnostico medico specialistico a indirizzo riabilitativo e terapeutico in termini di complessità e/o di durata dell'intervento (orientativamente riferibile ad almeno tre ore giornaliere di terapia specifica per la riabilitazione ), intese come quelle erogate direttamente dal personale tecnico sanitario della riabilitazione, quale, per esempio, il fisioterapista, il logopedista, il terapista occupazionale, l'educatore professionale e l'infermiere in quegli atti finalizzati al miglioramento della adl-Attività della vita quotidiana). Il progetto riabilitativo e i suoi programmi attuativi definiscono i tempi di completamento dei cicli riabilitativi, di norma contenuti entro 120 giorni.

Gli interventi di riabilitazione intensiva sono rivolti al trattamento:
- patologie complesse che richiedono la permanenza in ambiente riabilitativo dedicato specialistico e l'interazione con altre discipline specialistiche;
- delle menomazioni più gravi e delle disabilità più complesse, nonchè di quelle connesse con forme di patologia rara per il cui trattamento si richiede l'acquisizione di una adeguata esperienza o l'utilizzo di attrezzature particolarmente complesse, di avanzata tecnologia e l'integrazione con altre branche altamente specialistiche.

Appropriatezza del ricovero
L'episodio di ricovero ordinario è appropriato se:
a) il paziente è giudicato suscettibile di significativi miglioramenti funzionali durante il ricovero, cioè si attende il risultato di far tornare il paziente nella comunità (con o senza supporto) o di farlo progredire a un altro livello di cure riabilitative (ambulatoriale, domiciliare, eccetera);
b) le condizioni dei pazienti richiedono un ricovero con disponibilità continuativa nell'arco delle 24 ore di prestazioni diagnostico-terapeutico-riabilitative a elevata intensità (da parte di personale medico e paramedico) e un trattamento riabilitativo indifferibile e non erogabile efficientemente in regimi alternativi. La necessità di tutela medica continuativa è legata a un alto rischio di potenziale instabilità clinica, e prevede un contatto diretto regolare individuale tra paziente e specialista. La necessità di assistenza infermieristica è legata al bisogno (o al rischio di dover disporre) di un nursing riabilitativo multiplo o complesso;
c) le condizioni cliniche del paziente sono tali da permettere un trattamento riabilitativo da somministrarsi con l'approccio multidisciplinare più adeguato.

Orario Ricoveri e Dimissioni
Il ricovero avviene, di norma, mediante trasferimento dai reparti ospedalieri per acuti. La dimissione può invece essere concordata con il paziente ed i familiari in base alle necessità assistenziali, diagnostiche ed alle altre eventuali esigenze del reparto.

Comunicazione con i pazienti
I pazienti vengono visitati ogni mattina lunedì al sabato.
Durante i giri visita i pazienti vengono messi al corrente dei problemi relativi alla loro patologia e vengono spiegate loro le procedure e le terapie a cui saranno sottoposti.
Il paziente dialoga quindi quotidianamente con i medici ma può comunque richiedere, per lui o i suoi familiari, un colloquio nei seguenti giorni:
DOTT. ARMANI:lunedì - venerdì ore 12.00 - 13.00
DOTT. FRANCESCON:lunedì - venerdì ore 12.00 - 13.00
Personalizzazione dell'Assistenza
Particolare attenzione viene rivolta sia dai medici che dal personale di reparto ai pazienti in condizioni di particolare fragilità.
Per i pazienti non autosufficienti oltre all'uso aggiuntivo di dispositivi d'ausilio (materassi, sollevatori meccanici), è consentita la presenza di un familiare per coadiuvare il personale nei compiti di assistenza alla persona. Per i pazienti in condizioni di particolare fragilità psicologica, è a disposizione, qualora il medico lo ritenesse necessario, la consulenza di uno psicologo.
I pazienti diversamente abili possono accedere tranquillamente al reparto essendo la struttura a norma per questa tipologia di utenza.

Assistenza Medica e Infermieristica
Visite Mediche
I pazienti vengono visitati ogni mattina, compreso il sabato.

Attività di Psicologia e Logopedia
Vengono svolte in base alle esigenze del singolo paziente sulla base di uno specifico programma individuale.

Attività Fisioterapiche
Vengono svolte in base alle esigenze del singolo paziente sulla base di un programma riabilitativo individuale.

Assistenza infermieristica
La giornata infermieristica che si occupa delle degenze prevede che le competenze del personale infermieristico vengano svolte nei seguenti turni:
  • mattina
  • pomeriggio
  • notte
La caposala che copre l'attività del mattino (dalle 7.30 alle 14) raccoglie le consegne del cambio turno dalla notte al mattino e garantisce la continuità con il passaggio delle consegne al capoturno del pomeriggio. Al pomeriggio è, appunto, individuata una figura di capoturno a garanzia della continuità organizzativa rappresentata al mattino dal caposala.
Il personale infermieristico, in particolare la caposala, è costantemente impegnato ad avviare e mantenere un rapporto relazionale continuo con il paziente per raccogliere e farsi carico delle loro particolari esigenze e farsi carico del loro superamento.

Un Soggiorno confortevole per lei e per i Suoi Familiari
La sua camera
Il Raggruppamento Chirurgico dispone di 29 letti di degenza così distribuiti:
3 stanze da 1 letti con bagno
13 stanze da 2 letti con bagno

Gli Arredi
Il suo posto letto ha a disposizione un armadio per appendere gli abiti ed un comodino con un cassetto e due ripiani, uno dei quali traforato per contenere scarpe e pantofole. E' presente un tavolino con sedie. Ogni camera è dotata di televisore.

L'Apparecchio Multifunzionale
L'apparecchio multifunzionale, fissato alla parete dietro la testiera del letto le permette di comandare, mediante tastiera le luci e la chiamata infermiere.

Chiamata Infermiere
Premendo un tasto dedicato viene chiamato l'infermiere: si accende una luce all'esterno della camera mentre un impulso sonoro raggiunge il locale infermieri cosicchè pochi secondi l'infermiere sarà presso il suo letto.

Locale Soggiorno
All' esterno del reparto è presente un locale soggiorno arredato con divanetti e tavolini ove sono collocate alcune macchine per la distribuzione di cibi e bevande. Vi è un appare cchio televisivo.

Luci
La camera dispone della luce per la lettura e della luce centrale.

Letto
Il letto è regolabile rispetto alla posizione ed articolazione mediante manovelle poste sotto la pediera. Per i pazienti non autosufficienti o che presentino un rischio documentato di contrarre lesioni da pressione, il personale infermieristico provvederà a richiedere uno specifico ma terasso antidecubito.
L'unità Funzionale dispone di n° 13 letti elettrici tutti dotati di materasso antidebupito.

Climatizzazione e Ricambi d'aria
L'ambiente della camera è climatizzato per il suo benessere e per ridurre la diffusione di infezioni.

Gli orari dei Pasti
Colazioneore 07.30
Pranzoore 11.30
Cenaore 17:45

L'ascolto dei cittadini utenti per migliorare il servizio
La rimandiamo alla apposita pagina disponibile al seguente link:
Soddisfazione utenza

Altre informazioni
Privacy
Nel reparto il rispetto della privacy è un obbligo professionale che coinvolge tutto il personale medico e infermieristico.
Nessuna notizia relativa allo stato di salute del paziente può essere fornita a persone che non siano state delegate dal paziente stesso.
Per questo motivo, all'ingresso, il paziente o tutore viene invitato a compilare l'apposito modulo di Consenso al trattamento dei dati personali che verrà allegato in cartella cli nica.

L'Assistenza Religiosa
La celebrazione della S. Messa è prevista la Domenica e festivi alle 08:45 ed ogni mercoledì pomeriggio alle ore 17.00.
La Casa di Cura è sensibile alle particolari esigenze formulate dai suoi ospiti; per tale motivo, per richieste di assistenza religiosa sia cattolica che di altri culti può rivolgersi al capo sala che provvederà attraverso la Direzione Sanitaria ad attivarsi per soddisfare le Sue richieste.